News

In Campania 500mila pensioni di invalidità

AddThis Social Bookmark Button

A Napoli revocato il 20% per truffa

Così l'Inps, comprese le pensioni di vecchiaia, spende quasi 10 miliardi l'anno.
I dubbi emergono subito davanti a certi dati. In Campania, dove si contano quasi 6 milioni di abitanti, si registra mezzo milione di invalidi, un ottavo di tutta l’Italia: sarà vero? Le cifre dell’osservatorio sulle pensioni, analizzate da un articolo del quotidiano “Il Mattino”, raccontano una situazione al limite del credibile.
In Campania, seconda regione italiana per popolazione dopo la Lombardia, vive dunque mezzo milione di inabili al lavoro: qui undici persone su cento intascano l’assegno di povertà o di inabilità e solo otto su cento prendono una pensione che arriva dai soldi versati con i contributi. La curiosa conclusione è presto fatta: quasi metà dei fondi erogati dall’Inps non serve a pagare pensioni, ma svariate indennità.
Solo nella provincia di Napoli una pensione su tre è versata a un invalido e non è un caso che già 36mila pensioni d’invalidità (il 20% del totale) siano state revocate per truffa.
Secondo i dati dell’osservatorio forniti dal “Mattino”, l’Inps spende 432 milioni al mese per le 504mila pensioni di vecchiaia e 229 milioni di euro per quelle di invalidità. Aggiunti ai 137 milioni distribuiti tra i 277mila coniugi superstiti, si ha un totale di 845 milioni e 625mila euro al mese, quasi 10 miliardi l’anno.

da un articolo si TGcom24.it