News

Il contratto con i padani: le 12 richieste al governo

AddThis Social Bookmark Button

Pontida - Il contratto con i padani: le 12 richieste al governo
La Lega detta la road map su federalismo, fisco, missioni all’estero e costi della politica

Dal prato di Pontida Umberto Bossi ha presentato un elenco di 12 richieste che rappresentano un ultimatum leghista al governo. Al presidente del Consiglio Berlusconi toccherà confrontarsi con questi argomenti ben sapendo che non tutte le proposte potranno essere accolte giacché l’impegno militare in sede internazionale non può essere oggetto di alcun ripensamento.
Il catalogo del Carroccio può essere esaminato dal punto di vista temporale. Alcuni punti dovranno essere affrontati a breve, altri nel medio termine. Entro la pausa estiva dei lavori parlamentari occorrerà attivarsi per l’attribuzione di ulteriori forme di autonomia alle Regioni che la richiedono, per la riduzione delle bollette energetiche e per la riforma del patto di stabilità interno per Comuni e Province. Richiesto anche il taglio dei costi della politica, l’abolizione delle ganasce fiscali e delle misure «vessatorie» di Equitalia e il finanziamento del trasporto pubblico locale. Un po’ più di tempo per l’approvazione della riforma fiscale e la definizione dei costi standard da applicarsi alle amministrazioni. L’autunno dovrà essere definitivamente risolutore della questione delle quote latte e portare con sé l’approvazione definitiva del Codice delle autonomie. Mentre entro la fine della legislatura, secondo i desiderata bossiani, dovrà essere discussa la riforma costituzionale con dimezzamento dei parlamentari e trasformazione del Senato in senso federale.

(da un editoriale di Fabrizio De Feo su ilGiornale.it, per visualizzarlo clicca qui)

Il contratto con i padani: le 12 richieste al governo